Il 14 marzo del 1883 moriva il filosofo Karl Marx

402
Karl Marx
Karl Marx

Il 14 marzo del 1883 moriva il filosofo Karl Marx. La prospettiva politica comunista è fallita, ma come autore Marx rimane comunque un grande classico, nel senso che al di là del corso della storia alcune sue intuizioni rimangono valide per sempre. Vogliamo ricordarlo attraverso un passo tratto dal capitolo ‘Il dominio e le idee’ in cui Marx fornisce la sua diagnosi più nota sulla natura dell’ideologia che troppo spesso è solo lo specchio di interessi particolari costretti a spacciarsi come universali.

Scrive Marx: “Le idee della classe dominante sono in ogni epoca le idee dominanti; cioè la classe che è la potenza materiale dominante della società è in pari tempo la sua potenza spirituale dominante. La classe che dispone dei mezzi della produzione materiale dispone con ciò, in pari tempo, dei mezzi della produzione intellettuale, cosicché a essa in complesso sono assoggettate le idee di coloro ai quali mancano i mezzi della produzione intellettuale.”

E ancora: “Gli individui che compongono la classe dominante posseggono anche la coscienza e quindi pensano; in quanto dominano come classe e determinano l’intero ambito di un’epoca storica, è evidente che loro lo fanno in tutta la loro estensione, e quindi dominano anche come pensanti, come produttori delle idee del loro tempo.”

Sebbene viviamo un’epoca molto diversa da quella in cui scriveva Marx, riteniamo che queste poche righe rappresentino un eterno vaccino contro ogni subalternità e che siano utili per mantenere sempre vivo un occhio critico sul mondo.