Vent’anni di stagnazione: una tendenza da invertire, subito

370
Vent'anni di stagnazione
Vent'anni di stagnazione

L’emergenza sanitaria ha aggravato il crollo italiano, ma le radici della crisi affondano negli ultimi due decenni di progressivo indebolimento della nostra economia.

I dati sono impietosi. Dal 2001 a oggi, il reddito pro capite in Italia è crollato di circa il 18% rispetto alla media Ue, il nostro Pil vale il 14,5% dell’area euro (vent’anni fa valeva il 17,7%), e anche la produzione è andata a picco, segnando una riduzione del 18,4%. Tranne la Grecia, nessuno ha una performance peggiore. La Francia, da molti additata come il nuovo grande malato europeo, ha in realtà avuto una contrazione molto ridotta: è passata dal 20,9% del 2001 al 20,3% odierno, perdendo poco più di mezzo punto percentuale. La Spagna, invece, è addirittura cresciuta, guadagnando un 5,2%.

La pandemia ha avuto il suo peso nel cedimento italiano, ma relativamente solo ai dodici mesi appena trascorsi. La lenta, costante erosione della produttività e della capacità competitiva dell’Italia è in atto da vent’anni e ha reso il Belpaese fragile davanti alle crisi e lento nel risalire sul treno della ripresa. L’ultima volta che siamo stati in testa alla classifica della crescita è stato nel lontano biennio 1995-1996, quando la quota italiana nel prodotto dell’eurozona è aumentata dell’1,5%.

Sulle cause di questo disastro lungo due decenni sono stati versati fiumi d’inchiostro, e i responsabili ormai li conosciamo bene: una burocrazia intricata e farraginosa; un fisco troppo spesso “nemico” di chi vuole investire; un panorama imprenditoriale disomogeneo e vulnerabile alla concorrenza internazionale. Tutto ciò ha concorso a renderci progressivamente più poveri dei nostri vicini. Nel 2001 il nostro reddito era in linea con la media europea (e pari all’85,9% di quello tedesco), invece oggi è calato all’82,8% (e, nei confronti della Germania, al 67,6%). Inoltre, secondo gli ultimi dati, mentre in Europa il Pil per abitante è di circa 32.600 €., in Italia siamo fermi a poco più di 27.000 €.

Il Recovery fund dovrà servire ad aiutare tutte quelle realtà penalizzate dall’emergenza sanitaria, ma dovrà anche invertire la tendenza in atto da due decenni e trasformare la stagnazione in una solida crescita. Particolare attenzione merita il piano delle vaccinazioni, perché l’unica vera ripresa è legata a doppio filo con le tempistiche di somministrazione, e anche qualche settimana di ritardo rischia di compromettere ulteriormente la tenuta di determinati settori (ad esempio quello turistico nel periodo estivo). L’agenda del governo Draghi non è solo complessa e irta di ostacoli, ma anche terribilmente urgente.