250 anni di Hegel

200
Georg Wilhelm Friedrich Hegel
Georg Wilhelm Friedrich Hegel

Nasceva il 27 agosto 1770. I nostri auguri a Georg Wilhelm Friedrich non possono che indurci a chiedere: chi fu? Che cosa ha insegnato? Che cosa ha lasciato?

Ma lasciamo che a rispondere sia un suo illustre seguace, Benedetto Croce:

«L’Hegel riconobbe che se l’uomo non può sapere tutto, non può sapere nulla; sostenne l’oggettività della conoscenza; si oppose a ogni trascendenza; superò i capricciosi e superficiali apprezzamenti ottimistici e pessimistici, e intese a conciliare il pensiero con la realtà, la scienza con la vita. Il suo ideale della filosofia incarna la vera e perpetua esigenza filosofica dello spirito umano. – Dopo di lui, il mondo fu di nuovo spezzato in apparenza e realtà ascosa, in materia e Dio ignoto, in fatti bruti e valori trascendenti. La filosofia (ma non già la metafisica in cattivo senso!) venne spodestata. La filosofia, per essere tollerata, si acconciò a prestare opere servili: a rinettare gli strumenti dei fisici e dei fisiologi, a tenere in buon ordine le loro collezioni di fatti. »

[“Siamo noi hegeliani?”, 1904]